Home Certificazioni
LINGUAPOLIS Anversa PDF Print

 

L'Instituut voor Taal en Communicatie (Istituto per le lingue e la comunicazione) LINGUAPOLIS dell'Università di Anversa in Belgio vanta più di vent’anni di esperienza nell’insegnamento delle lingue ed è un centro di eccellenza per la ricerca, lo sviluppo e la formazione nel campo dell’apprendimento, dell’insegnamento e nel testing delle lingue. LINGUAPOLIS ha l’obiettivo di sviluppare, applicare e divulgare il sapere scientifico e pratico al fine di rendere più efficiente l’insegnamento, l’apprendimento, il testing, l’acquisizione e la comunicazione delle lingue. LINGUAPOLIS organizza e offre corsi in 21 lingue, sviluppo di materiali didattici, creazione di sistemi per la didattica e il testing, produzione di testi, editing e traduzione, consulenza nella formazione e comunicazione linguistica, progetti, pubblicazione e strumenti per la ricerca. In particolare, le attività di LINGUAPOLIS sono organizzate sulla base del modello Distributed Language Learning:


- il Distributed Language Learning è un modello integrativo che pone il processo di apprendimento delle lingue in una prospettiva più ampia. Quale istituzione all’interno dell’Università di Anversa LINGUAPOLIS fa una scelta accurata delle risorse didattiche appropriate per le specifiche situazioni di apprendimento, in modo da creare un ambiente di apprendimento inventivo, innovativo e sostenibile, e garantire risultati ottimali. A tal fine LINGUAPOLIS ha sviluppato una propria metodologia denominata DDL Distributed Language Learning. Questo modello parte dell’analisi della situazione di apprendimento linguistico con l’intenzione di creare un ambiente che faccia da base per un’eventuale implementazione della didattica. La situazione di apprendimento linguistico comprende l’apprendente, il docente, l’infrastruttura, il contenuto del corso, il metodo utilizzato, ecc. Nella fase di analisi vengono individuati gli aspetti universalmente validi, quelli che hanno applicazione locale, le differenze che si osservano nello spazio e nel tempo, e in quali aree esiste possibilità di cambiamento. In seguito, viene creato un ambiente di apprendimento linguistico come insieme di componenti interagenti (l’apprendente, il co-apprendente, l’insegnante, il madrelingua, il contenuto, ecc.) e le reciproche interazione, sia dentro che fuori la classe. Tali interazioni possono consistere forme di comunicazione mediate e non mediate, scambi di informazioni. Lo scopo dell’ambiente di apprendimento è quello di raggiungere gli obiettivi didattici in maniera più efficiente possibile. Sulla base dell’ambiente di apprendimento creato vengono determinati il metodo didattico (lessicale-grammaticale, comunicativo, costruttivista, ecc.) e i supporti tecnologici da utilizzare. Poi si passa alla vera e propria implementazione in termini di approcci, contenuto e valutazione. In ogni caso la portata è ampia, di qui il termine “distributed”: il processo di apprendimento si svolge in diversi luoghi, usando vari media e interagendo con diversi attori e in tempi flessibili. Infine, una certa attenzione è rivolta alla sostenibilità del processo di apprendimento: LINGUAPOLIS permette a ciascun partecipante di scoprire il processo di apprendimento dall’interno; l’apprendente sviluppa competenze che gli permetteranno di mantenere e ampliare le competenze linguistiche acquisite.



 

Ufficio Internazionalizzazione e Comunicazione Linguistica dell'Univ. degli Studi di Napoli "Parthenope" - Via Amm. F. Acton, 38 - 80133 Napoli
Portale web realizzato nell'ambito del progetto LLMC LR13/04 AF 2006
Contatti